Lifting alle Cosce

Lifting alle cosce: per gambe che sfidano il tempo

lifting cosceTra i numerosi inestetismi che si concentrano dalla vita in giù, uno dei più odiati è senz’altro il rilassamento dell’interno coscia (tecnicamente, ptosi), a cui la chirurgia pone rimedio grazie al lifting alle cosce.

La caduta e l’afflosciarsi della pelle in questa zona è spesso conseguenza della perdita di tono dei tessuti legata al tempo che passa o ad una rapida perdita di peso, ma può sopravvenire anche in chi segue un’alimentazione e uno stile di vita sano, rovinando la silhouette e, nei casi peggiori, causando fastidi alle attività di ogni giorno.

Fortunatamente, il lifting dell’interno coscia o dell’intera circonferenza risolve il problema, eliminando la pelle in eccesso e garantendo ottimi risultati anche nei casi che sembrano più disperati.

Ecco una panoramica su tecniche, benefici e costi del lifting alle cosce.

Come si procede

Esistono tre tipi di intervento: il lifting dell’interno cosce o mediale, il laterale e il circonferenziale, che combina i primi due.

Le tecniche più in uso sono due. La più datata (consigliata in caso di accumuli ingenti di pelle) prevede l’apertura di due incisioni lungo la linea inguinale da cui i tessuti vengono tirati e ridotti; la cicatrice, permanente ma sempre meno visibile, è “nascosta” dalla piega naturale del corpo. L’anestesia può essere locale o generale a seconda dei casi.

Di recente ha avuto successo anche la procedura micro-chirurgica che si avvale di strumenti di precisione millimetrica per effettuare l’asportazione di numerose piccole porzioni di pelle, riducendo l’impatto finale delle cicatrici. In questo caso, si procede in più sedute con anestesia locale e senza punti di sutura.

Spesso, per risultati più armonici nell’interna zona, il lifting è abbinato a una liposuzione che aiuta a rimodellare al meglio le gambe o a trattamenti che interessano i glutei. Ciò incide sulla resa finale dell’intervento e, ovviamente, anche sul prezzo del lifting alle cosce.

Il percorso post-operatorio

Nel caso dell’operazione tradizionale, la cicatrizzazione è coadiuvata da un’apposita medicazione e da una guaina. I punti vengono eliminati dopo una o due settimane e sono necessarie due visite di controllo nelle quali la medicazione viene progressivamente ridotta. È bene stare a riposo per una decina di giorni e aspettare almeno un mese dall’operazione per riprendere le attività più intense.

Concluso il decorso, le cosce risultano più giovani, snelle e toniche. Naturalmente, se non lo si era già adottato in precedenza, è meglio approfittarne per seguire uno stile di vita sano, che aiuti a preservare nel tempo i benefici dell’operazione.

Costi del lifting alle cosce

Quando si parla di trattamenti di chirurgia estetica, è difficile stabilire dei prezzi validi per tutti. Limitandosi a cifre minime e massime di riferimento, la forbice va dai tre-quattromila euro fino a poco più di seimila per il lifting tradizionale, mentre per i trattamenti microchirurgici si scende intorno ai mille euro.

È, comunque, fondamentale consultarsi con l’equipe scelta per l’intervento non soltanto per avere un’idea precisa del prezzo del lifting alle cosce, ma anche per sapere nel dettaglio come è meglio intervenire nel caso specifico e come si configura il percorso pre e post-operatorio.